Stefania Redini

Stefania Redini incontra lo yoga alla fine degli anni ‘70 con Swami Gitananda Giri di Pondicherry. Negli anni ‘80 segue una formazione con Andrè Van Lysebeth e per il pranayama con Willy Van Lysebeth. Negli anni ‘90 frequenta in Francia l’Ashram di Arnaud Desjardins . In seguito segue una formazione con T.K. Shribhashyam, figlio del maestro T.Krishnamacharya di Mysore, una visione dello yoga classico, coi suoi legami con l’ayurveda e la filosofia indiana. Nel 2003 l’incontro con Eric Baret e lo Yoga Non Duale nella linea del tantrismo del Kashmir apre la porta all’integrazione fra la teoria e la pratica. Negli stessi anni inizia una formazione continua con Yolande Deswarte, co-fondatrice dell’Istituto Spiraldyamik di Zurigo, dove approfondisce la conoscenza scientifica del movimento umano. Insegna a corsi di postformazione e formazione per insegnanti di yoga.

Nome del Centro e dati storici: TAT ASSOCIAZIONE YOGA – Genova